fascia 01

Pelophylax lessonae synkl. esculentus

geotritone di strinati

Complesso delle “Rane Verdi”

 

iconaPDF xsmScarica il pdf della scheda

 

 

Classe: Amphibia

Ordine: Anura

Famiglia: Ranidae

 

Distribuzione in Lombardia: è tipicamente legata a zone planiziali dove è molto diffusa, con una distribuzione pressoché continua. In aree collinari è localizzata lungo le maggiori valli fluviali (Olona, Lambro, Adda, Oglio) e presso le sponde dei laghi insubrici. Solo il 5,5% dei dati è riferibile a quote maggiori ai 400 m s.l.m. e le segnalazioni diventano poi decisamente sporadiche oltre i 600 m. La quota massima raggiunta in Lombardia è di 1.357 m presso Pian di Gembro, nel comune di Villa di Tirano (SO). In Oltrepò pavese si rinviene fino a 630 m di quota nel comune di Romagnese. rane verdi 2

Identificazione: le dimensioni vanno dai 7 ai 14 cm, con i maschi più piccoli delle femmine. Il colore del dorso varia dal verde erba al verde oliva, al verde scuro, al marrone punteggiato e spesso è presente una linea dorsale chiara; il ventre invece è bianco con macchie grigie.

Specie simili: la distinzione tra le diverse specie facenti parte del complesso è possibile solo tramite analisi genetiche, non necessarie per le finalità di questo tipo di rilevamento.

Biologia ed ecologia: il genere Pelophylax, a cui appartengono le “rane verdi” europee e asiatiche, è formato da numerose specie non ibride, come la rana di Lessona, e da alcuni particolari ibridi (es. la rana esculenta, che è un ibrido tra quella di Lessona e la rana ridibunda). Le popolazioni di rane verdi, formate da individui ibridi (P. esculentus) e non ibridi (P. lessonae), vengono quindi indicate con il termine comprensivo di synklepton, in questo caso: P. synklepton esculentus. Da un punto di vista ecologico hanno tutte abitudini molto simili: P. esculentus si riproduce in vari habitat acquatici come risaie, marcite, fossi, stagni, cave allagate, lanche e bordi paludosi di laghi e fiumi. Evita solitamente gli habitat freddi e ombrosi o gli specchi d’acqua troppo piccoli e isolati. P. lessonae tende a tollerare maggiormente l’ombra ma risente maggiormente di fattori di inquinamento o disturbo. Il periodo di attività va da metà marzo a metà ottobre, con sporadiche segnalazioni anche in febbraio e novembre. D’estate vive in acqua o nelle immediate vicinanze, mentre trascorre l’inverno nel fango o più raramente a terra.

Stato di conservazione: le rane verdi sono inserite negli Allegati IV (la rana di Lessona) e V della “Direttiva Habitat” (la rana esculenta ibrida) e valutate come specie “Least Concern” (LC - minor preoccupazione) nella “Lista Rossa IUCN dei Vertebrati Italiani”.

 

Per richieste di informazioni sulle campagne si vedano i contatti.

 

Back to Top