fascia 01

Pelobates fuscus  

geotritone di strinati

Pelobate fosco

 

iconaPDF xsmScarica il pdf della scheda 

 

 

Classe: Amphibia

Ordine: Anura

Famiglia: Pelobatidae

 

Distribuzione in Lombardia: la distribuzione del pelobate fosco in Lombardia è estremamente frammentata e comprende ormai poche popolazioni localizzate nell’area morenica di alta pianura e lungo l’asta del fiume Po, dove i terreni risultano più sciolti. Queste ultime popolazioni risultano al momento maggiormente minacciate e in declino. Le quote massime raggiunte non sembrano superare i 300-350 m s.l.m. Salamandrina perspicillata 2

Identificazione: piccolo rospo riconoscibili rispetto agli altri anfibi anuri grazie alla tipica colorazione grigio chiara, con evidente maculatura scura, la pupilla verticale stretta e la presenza di un piccolo sperone corneo biancastro sotto la zampa posteriore. 

Specie simili: non confondibile con altre specie.

Biologia ed ecologia: è di abitudini strettamente notturne. Gli habitat frequentati dal pelobate fosco sono molto vari e comprendono aree boscate naturali, prati a sfalcio e aree agricole, tutte, comunque, caratterizzate da terreni sabbiosi che permettono alla specie di scavare e di nascondersi fino a profondità di 70-80 cm durante i periodi di inattività. Le zone umide utilizzate per la deposizione comprendono pozze, stagni e paludi con acque relativamente pulite e stagnanti caratterizzate dalla presenza di vegetazione sommersa a cui attaccare i cordoni di uova e con aree più profonde utilizzate dalle larve di grandi dimensioni. La deposizione avviene appena terminato lo svernamento, dopo di che si assiste ad un calo dell’attività superficiale, con pochi individui osservabili a terra.

Stato di conservazione: è inserito negli allegati II e IV della “Direttiva Habitat”, in appendice II della Convenzione di Berna ed è protetto dalla legislazione italiana. Valutata specie “Endangered” (EN - in pericolo) nella “Lista Rossa IUCN dei Vertebrati Italiani”. È una specie fortemente minacciata di estinzione nel territorio italiano, tra le principali cause si annoverano sono l’alterazione dell’ambiente terrestre, l’incremento dell’agricoltura intensiva.

 

Per richieste di informazioni sulle campagne si vedano i contatti.

 

Back to Top