fascia 01

Myricaria germanica (L.) Desv.

C01 Myricaria a

tamerice alpina

 

Ordine: Caryophyllales

Famiglia: Tamaricaceae

 

iconaPDF xsmScarica il pdf della scheda (459Kb)

 

 

 

 

 

  

Distribuzione: oggi la specie sembra essere confinata esclusivamente ad alcune valli interne della catena alpina. Un tempo era diffusa anche in pianura (es. fiume Ticino) e persino lungo i corsi d’acqua nell’Oltrepò Pavese.

Identificazione: arbusto alto sino a 3 m, ma in genere molto più basso, con rami allungati, esili e flessibili. Le foglie sono di forma lineare-lanceolata, lunghe 2-5 mm, di colore verde-azzurro (glauche) e più o meno sovrapposte tra loro (embricate). I fiori, portati in dense infiorescenze all’apice dei rami (terminali), sono di colore rosa pallido Camera icon 03; i petali, superati dalle piccole foglie (brattee) nell’infiorescenza, sono in numero di 5. Dopo la fioritura, compaiono frutti (capsule) che si aprono progressivamente e liberano minuscoli semi dotati di un pappo piumoso Camera icon 03.

Specie simili: negli ambienti naturali in cui cresce, non può essere confusa con altre specie. Una vaga somiglianza insorge con le tamerici in senso stretto (genere Tamarix), che però nei nostri territori sono solo arbusti coltivati.

Biologia ed ecologia: è in fioritura da maggio sino a tutti i mesi estivi. Si riproduce da seme, che può essere disperso a lunga distanza grazie al pappo piumoso. I rami flessibili possono inoltre radicare se a contatto con il terreno. La tamerice alpina cresce negli alvei naturali periodicamente inondati dei corsi d’acqua. Il substrato è tipicamente minerale, essendo costituito da sabbie, ghiaie e ciottoli. L’umidità è variabile e dipende dal livello dell’acqua. In genere cresce con altri arbusti tipici dello stesso ambiente, in particolare i salici. È comunque una specie pioniera e poco competitiva, per cui colonizza esclusivamente i greti dopo le fasi di piena.

Stato di conservazione: la tamerice alpina è considerata la specie tipica dell’habitat di interesse comunitario “Fiumi alpini con vegetazione riparia legnosa a Myricaria germanica” (cod. Natura 2000: 3230), inserito nell’allegato I della “Direttiva Habitat”. Secondo la Legge Regionale 10/2008, la specie a è soggetta a raccolta regolamentata. Si tratta inoltre di una specie in progressiva scomparsa in tutta la regione, poiché l’ambiente in cui cresce è stato soggetto, e lo è tutt’ora, a forte alterazione antropica, sia per modifiche dirette nell’alveo, sia per mutamenti nel regime idrico. Viene pertanto considerata come specie a rischio di estinzione alla scala nazionale.

Note per la ricerca: l’ambiente in cui cresce non risulta facilmente raggiungibile ed è inoltre soggetto potenzialmente a improvvise ondate di piena (ad esempio, per rilascio dalle dighe). Prestare quindi particolare attenzione durante le ricerche.

 icona foto dettaglioCosa fotografare: i rami allungati (con o senza fiori).

 

Per richieste di informazioni sulle campagne si vedano i contatti.

La nomenclatura delle specie floristiche fa riferimento a: Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (eds.), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora. Palombi Editori, Roma.

 

Back to Top