fascia 01

RISPOSTA

Rinaturazione Impianti Sciistici con Produzione Ottimizzata di fiorume da prati STAbili

 

RISPOSTA

 

Il progetto RISPOSTA ha costituito un modulo del più vasto progetto SE.BI.O. - Sentiero della BIodiversità sulle Orobie, volto alla realizzazione di una serie articolata di azioni per la conservazione e la salvaguardia delle emergenze naturalistiche presenti sul territorio delle Prealpi Orobiche, nell'ottica di una fruizione sostenibile degli ambienti alpini. Il progetto, promosso e coordinato dal Parco delle Orobie Bergamasche, ha visto il coinvolgimento anche dei Parchi della Grigna Settentrionale e del Monte Barro.

L'obiettivo del progetto RISPOSTA è stato quello di promuovere la riconversione e la valorizzazione di prati da sfalcio abbandonati in prati donatori di fiorume, materiale da utilizzare poi negli interventi di minimizzazione dell'impatto, compensazione ambientale e rinaurazione di aree interessate da impianti sciistici.

Il progetto si è proposto di:

  • incentivare la conservazione di habitat naturali e seminaturali quali i prati da sfalcio (inseriti fra gli habitat ai sensi della Direttiva Habitat 92/43/CEE), recuperandone il valore ecologico e il significato storico-culturale;
  • rivalutare il prodotto fieno e tutto il materiale vegetale “di scarto” generato dalla filiera produttiva, ed al tempo stesso valorizzare le specie erbacee autoctone tipiche di questi ambienti, incentivandone l’utilizzo per applicazioni nel settore del ripristino ambientale e dell'ingegneria naturalistica;
  • proporre una via alternativa di recupero dei prati da sfalcio e dei pascoli abbandonati;
  • utilizzare in via sperimentale quanto sopra nel concreto recupero di importanti impianti sciistici interni ad aree afferenti alla Rete Natura 2000, con particolare riferimento all’area di Foppolo-Carona.

In pratica dunque il progetto ha risposto all'esigenza di rendere disponibile nel più breve tempo possibile, materiale vegetale autoctono idoneo ad interventi estensivi di rinaturazione e recupero ambientale, realizzando per la prima volta in Lombardia la produzione meccanizzata di fiorume certificato e proponendo un sistema di classificazione dei prati donatori presenti in territorio montano ed alpino.

Il progetto ha avuto una durata di 31 mesi, da maggio 2008 a dicembre 2011.

 

Back to Top