Glossario zoologico

Da Legge regionale 10 - Flora e piccola fauna protette in Lombardia.
Versione del 24 gen 2011 alle 16:59 di Arianna (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search
  • anuri: ordine di Anfibi privi di coda diffusi in tutto il mondo con circa 2.700 specie, alla quale appartengono rane, rospi, raganelle, ecc.
  • areale': area di distribuzione geografica di un organismo o del gruppo sistematico al quale questo appartiene.
  • batracofauna: comunità di anfibi.
  • cloaca: l’apertura comune agli apparati urogenitali e digerente. è presente negli Anfibi, nei Rettili, in molti Uccelli e in poche specie di Pesci e Mammiferi.
  • colorazione aposematica: colorazione vivace e cospicua che favorisce la protezione di un animale avvertendo i potenziali predatori che gli individui che la manifestano sono tossici o pericolosi (ad esempio è aposematica la colorazione gialla e nera di vespe e calabroni); è caratteristica anche di specie indifese che mimano altre specie pericolose.
  • colubridi: famiglia di serpenti generalmente non velenosi. Nessuna delle specie lombarde di Colubridi è infatti pericolosa per l’uomo.
  • comunità: insieme delle popolazioni animali e vegetali che vivono i un determinato territorio.
  • ecotonale: aggettivo riferito a specie legate ad ambienti di transizioni fra habitat ben definiti, ad esempio il margine di un bosco o la zona di contatto tra un’area ad arbusti e un prato stabile.
  • ectotermo: un vertebrato che dipende dalla temperatura esterna per espletare le proprie funzioni vitali (vedi anche termoregolazione).
  • erpetofauna: nome in uso per indicare l’insieme delle specie di anfibi e rettili.
  • fossorio: si dice di animale atto allo scavo e che passa tutta o gran parte della vita sotto la superficie del terreno.
  • habitat: dimora naturale di una specie animale o vegetale; l’area fi sica in cui essa si può trovare. Il termine è inteso come sinonimo di ambiente di vita.
  • ibernazione: condizione di inattività e di torpore in cui certi animali trascorrono l’inverno; comporta un abbassamento della temperatura e dello stato metabolico.
  • igrofilo: amante di climi o ambienti umidi.
  • klepton: il klepton è una forma ibrida ibridogenetica che ha un’eredità genetica di tipo emiclonale. Per riprodursi dipende dai gameti di una vera specie, realizzando nel corso della sua riproduzione una sorta di parassitismo sessuale.
  • larva: costituisce lo stadio precoce di sviluppo di certi animali.
  • letargo: periodo di drastico rallentamento delle funzioni metaboliche regolato da complessi meccanismi endogeni e dal fotoperiodo, è caratteristico di vari mammiferi di climi temperati. Serve generalmente a superare la cattiva stagione ed è tipico di alcuni insettivori, di tutti i microchirotteri, di pochi carnivori e di diversi roditori. Anche i vertebrati ectotermi (anfibi e rettili) attraversano una sorta di letargo invernale, ma in questo caso il rallentamento del loro metabolismo è principalmente regolato dalla temperatura ambientale. Nonostante ciò in molti anfibi e rettili il letargo è essenziale per garantire la maturazione dei gameti.
  • melanismo: anomalia ereditaria, per cui un animale presenta una colorazione completamente nera.
  • metamorfosi: forma di transizione da uno stadio di sviluppo ad un altro. Drastica serie di modificazioni fisiche, fisiologiche e metaboliche che conduce dalla larva all’adulto oppure dalla larva al giovane Anfibio.
  • neotenia: mantenimento durante lo stadio adulto di alcune caratteristiche larvali; questo fenomeno dipende dal ritardo dello sviluppo somatico in rapporto allo sviluppo degli organi riproduttori; ad esempio in numerose popolazioni italiane di tritoni gli adulti si riproducono pur mantenendo le branchie esterne.
  • oviparo: individuo che si riproduce deponendo le uova.
  • ovoviviparo: individuo che si riproduce partorendo piccoli già completamente formati, liberi o avvolti da una membrana che rompono subito. Si tratta di un tipo di viviparità nel quale l’embrione si nutre del tuorlo del proprio uovo.
  • popolazione: insieme di individui appartenenti alla stessa specie che vivono in una determinata zona ben delimitata e che possono accoppiarsi liberamente tra loro.
  • sauri: sottordine di rettili squamati comprendenti quasi tutte le specie a struttura lacertiforme e molte serpentiformi.
  • spermatofora: piccola capsula contenente gli spermatozoi.
  • squame: sono annesse alla pelle e hanno funzione di protezione. Si trovano nei serpenti e nelle lucertole. Sono fatte solo dallo strato superfi ciale della pelle (epidermide).
  • tassonomia: la scienza che descrive e classifica gli organismi.
  • taxon (plurale: taxa): una delle unità di classificazione degli organismi. I principali taxa, partendo dalle categorie più grandi, o più comprensive, fino alla specie, che è l’unità tassonomica più piccola, sono: il regno, phylum, classe, ordine, famiglia, genere, e la specie.
  • termoregolazione: comportamento tipico dei Rettili, finalizzato a portare il corpo alla temperatura ottimale di attività.
  • urodeli: ordine di Anfibi che mantiene la coda allo stato adulto.
  • viviparo: individuo che si riproduce partorendo piccoli già completamente formati e i cui embrioni traggono nutrimento e ossigeno direttamente dalla madre.