Rana italica Dubois, 1987

Da Legge regionale 10 - Flora e piccola fauna protette in Lombardia.
Jump to navigation Jump to search

Rana appenninica B1

Leg zoo 01.jpg 64 mm Fam. Ranidae
V15 Rana italica.jpg Specie simile alla Rana dalmatina ma più piccola e con forme meno slanciate, il muso è più corto e arrotondato e sottogola scuro. Si distingue da Rana temporaria per la maggiore lunghezza delle zampe posteriori e per l’assenza di sacchi vocali nel maschio.

La stagione riproduttiva va da febbraio a maggio, anche se il picco di attività si registra generalmente nel mese di marzo.

La rana appenninica rimane per gran parte dell’anno in prossimità di ruscelli o piccoli torrenti che costituiscono i siti di deposizione. I maschi emettono i canti sott’acqua. Le ovature, di piccole dimensioni e contenenti da un minimo di 250 ad un massimo di 550 uova, sono attaccate ai sassi che bordano lateralmente le pozze dei torrenti.

È una specie endemica dell’Appennino ed è compresa nell’allegato IV della Direttiva Habitat 92/43/CEE.




Al massimo fino circa a 1000 m s.l.m.

È una specie esigente che predilige i boschi umidi di latifoglie con ricco sottobosco e tende ad evitare le aree coltivate e fortemente antropizzate

Appenninico


V15 Rana italica MAPPA.jpg